𝟴𝟬𝗺𝗮 𝘀𝗲𝘁𝘁𝗶𝗺𝗮𝗻𝗮 𝗰𝗼𝗻𝘀𝗲𝗰𝘂𝘁𝗶𝘃𝗮

Ebbene con quella di giovedì prossimo si arriverà alla 80ma settimana dell’ormai imperdibile appuntamento con Ernesto Sirolli in Apericall, incontro nato in conseguenza della pandemia, ma che è diventato un momento imperdibile per molti (ad oggi quasi 400) imprenditori, professionisti e quanti vogliano trascorrere quasi 2 ore il giovedì sera (dalle 18 alle 20), per parlare di società, cultura, economia, lavoro, ambiente e qualsiasi argomento in piena libertà e senza mai che in 79 puntate si siano alzati i toni anche tra visioni diverse.
Personalmente ho potuto incontrare oltre allo straordinario Ernesto e sua moglie Martha, Alessandro Fossato (CEO Interlogica), Sophia Los (Architetto), Eva Bredariol (Avvocato esperta di Reti d’impresa), Fabio Fracas (Fisico quantistico), Antonio Specchia (Consulente CRM), Francesco Filacchioni (Consulente Finanza), Nicola Chiaranda (Consulente d’impresa), Luca Delmedico (Consulente d’impresa) e molte molte altre figure di rilievo dell’imprenditoria Italiana e non solo. Da questi incontri per alcuni sono anche nate delle opportunità di business, ma la vera ricchezza di questo appuntamento, è la vera opportunità di confrontarsi e conoscere belle persone, cosa sempre più rara. www.apericallers.com
#Sirolli #Apericall #Interlogica

Finanza & Felicità

Secondo voi, quando questi due vocaboli sono direttamente proporzionali ?
Mi spiego meglio, quanto sia come persona che come azienda la felicità/tranquillità (nel caso di azienda) sono direttamente proporzionali allo stato di salute finanziaria. Un vecchio detto cita “I soldi non fanno felicità”, ma quanto è vero ?
Oggi particolarmente in questa fase (si spera) post pandemia, di certo ha sofferto maggiormente chi aveva ed ha poca disponibilità finanziaria, sia come persona fisica che come azienda. Anzi al contrario, chi aveva ed ha buona capacità economica, ha sicuramente fatto buoni affari e in questo periodo ha fatto affari importanti. I piccoli esercizi commerciali, i bar i ristoranti hanno faticato, mentre sia la grande distribuzione che “Amazon” per esempio, ha fatto affari come non ci fosse un domani.
Ma allora, si può essere felici ma poveri ? Personalmente non lo so, non mi sento di classificarmi ne in uno ne nell’altra categoria, però di una cosa sono abbastanza convinto, chi ha o aveva buona disponibilità specialmente in questo periodo, non è di certo triste, anzi più di qualcuno è riuscito a fare operazioni speculative impensabili in altri momenti.
Ma la vera domanda è : cosa vuol dire essere felici ? Cosa vuol dire essere ricchi (qual’è la misura della ricchezza)
Al contrario, si può essere ricchi e tristi, la mia risposta è certo, ho conosciuto più ricchi tristi di poveri infelici, ma mentre i primi non lo diranno mai, i secondi non possono nasconderlo.